- ATMAR

Vai ai contenuti

Menu principale:

ARGOMENTI MEDICI > Connettiviti

Scarica il documento in PDF

SCLEROSI SISTEMICA
SCLERODERMIA
A cura del Dr. Giuseppe Paolazzi
UO Reumatologia Ospedale Santa Chiara Trento


La sclerosi sistemica è una malattia infiammatoria sistemica del tessuto connettivo caratterizzata da una vasculopatia diffusa e da accumulo di collageno (fibrosi) e di altri componenti della matrice connettivale a carico della cute e di vari organi interni: apparato gastroenterico, cuore, polmone, rene, articolazioni e muscoli. Sclero-dermia significa letteralmente pelle-dura per rendere visivo l’aspetto del paziente.

Epidemiologia
La reale diffusione della SSc non è ben definita. La malattia colpisce i soggetti di tutte le età, ma esordisce più frequentemente fra i 20 ed i 40 anni. Sono colpite maggiormente le donne, con un rapporto F/M oscillante nei vari studi da un minimo di 3/1 ad un massimo di 15/1. Sono stati segnalati dati di incidenza oscillanti fra 0.85 e 19 nuovi casi/milione di individui/anno, e di prevalenza fra 20 e 250 casi/milione di individui.

Classificazione
La SSc presenta una notevole variabilità sul piano dell’espressività clinica, della gravità e dell’evolutività. Sono stati, quindi, operati vari tentativi tesi a classificare la malattia in sottogruppi differenti sul piano clinico-prognostico. Per lunghi anni è stata utilizzata una classificazione in 2 sottotipi: sindrome CREST (da calcinosi, Raynaud, esofagopatia, sclerodattilia, teleangectasie) e SSc con sclerodermia diffusa. Una classificazione riassuntiva è espressa nella tabella seguente:

Tabella 1: classificazione della sclerodermia

Sclerosi sistemica

cutanea diffusa (dcSSc)
cutanea limitata (lcSSc)
cutanea intermedia (icSSc)

sclerodermia localizzata

lineare, morfea

sclerodermia associata ad altre  connettiviti

sindrome overlap

sclerodermia indotta da sostanza  tossiche

cloruro di vinile, solventi organici,  silicone, farmaci (bleomicina,  pentazocina)



La sclerosi sistemica si distingue in base all’estensione dell’interessamento cutaneo. Nella forma diffusa il decorso è spesso rapido con coinvolgimento di tutta la superficie corporea ed elevata frequenza di impegno viscerale. La forma limitata corrisponde alla già definita sindrome CREST. Nella forma intermedia la sclerosi cutanea colpisce anche la parte prossimale degli arti ma risparmia il tronco. Esiste inoltre una SSc “sine sclerodermia” e una forma “in fase presclerotica” in cui il quadro cutaneo non è evidente classicamente ma possono essere presenti gli altri rilievi clinici tipici della malattia.

Eziologia

L’eziologia è ignota, la patogenesi è a tutt’oggi non ben precisata. Alcune evidenze suggeriscono l’implicazione di fattori predisponenti individuali. Uno di questi è rappresentato dal sesso femminile. Sono state, inoltre, segnalate alcune associazioni significative con antigeni del sistema maggiore di istocompatibilità (predisposizione genetica): il DR3, il DR5, DR1, A1, B8. Sono stati, infine, descritti alcuni casi di SSc in componenti della stessa famiglia. La fibrosi, che costituisce la caratteristica più evidente della malattia, è da considerare un elemento a valle della cascata patogenetica. Essa è dovuta ad aumentata produzione di collageno (I, III, IV) e di altri costituenti della matrice (fibronectina, glicosaminoglicani) da parte dei fibroblasti. Le piastrine e le mastcellule sembrano anch’esse svolgere un ruolo nella stimolazione dei fibroblasti. Le prime producono molti fattori di crescita, soprattutto, il PDGF (Platelet Derived Growth Factor), che ha una notevolissima attività di stimolazione dei fibroblasti e delle cellule muscolari lisce. Le mastcellule, che sono presenti in numero elevato nella cute sclerodermica in fase precoce di malattia, producono istamina che stimola la sintesi di collageno e la proliferazione dei fibroblasti ed ha azione endotelio-lesiva. Particolare attenzione è rivolta al momento dagli studiosi del problema al Transforming Growth Factor beta (TGF-beta). Questo fattore di crescita, prodotto come il PDGF da monociti e piastrine, stimola fortemente la sintesi di collageno dei fibroblasti e aumenta l’espressione di RNA messaggero per il collageno in essi. La vasculopatia sclerodermica presenta due elementi caratteristici: la microangiopatia obliterativa e la alterazione proliferativa delle piccole arterie. Sin dalle fasi iniziali è possibile osservare un danno endoteliale diffuso, la cui genesi non è nota. Il danno endoteliale, comunque causato, determina alti livelli sierici di fattore VIII-fattore di von Willenbrand antigene e promuove l’attivazione delle piastrine, testimoniata dalla presenza di aggreggati piastrinici circolanti e di alti livelli di beta-tromboglobulina plasmatica con probabile liberazione di fattori di crescita (TGF-beta, PDGF). Il terzo elemento della verosimile triade patogenetica della SSc è costituito dalle alterazioni della risposta immune. Il reperto, già in fase iniziale prefibrotica di infiltrati linfocitari perivascolari, costituiti essenzialmente da T linfociti, a livello della cute e degli altri organi colpiti e la dimostrazione di ipersensibilità al collageno IV pongono in discussione una patogenesi immunologica da immunità cellulo-mediata nei confronti del collageno o di altri costituenti. Nella SSc sono inoltre presenti molti reperti indicativi di una risposta immune umorale alterata: ipergammaglobulinemia con iperIgG, fattori reumatoidi, crioglobuline, immunocomplessi circolanti, anticorpi anti-cardiolipina, anticorpi antinucleari.



Fisiopatologia
Negli ultimi anni sono stati pubblicati numerosi studi a sostegno dell’implicazione di processi ischemici transitori nella genesi del danno tissutale nella SSc. Alcuni Autori, con una terminologia altamente evocatrice del processo, hanno parlato di fenomeno di Raynaud a carico degli organi interni. In questa luce va vista la segnalazione strettamente clinica di una maggiore incidenza di crisi renale sclerodermica nei mesi invernali, così come l’aumento dell’attività reninica plasmatica e la riduzione della perfusione renale indotti dall’esposizione al freddo. Studi analoghi a carico del polmone hanno permesso di evidenziare che il freddo induce un aumento della pressione arteriosa polmonare ed una riduzione della perfusione. Con l’utilizzazione della scintigrafia cardiaca al tallio sono stati dimostrati difetti di perfusione sia fissi che reversibili. Il freddo induce anche alterazioni transitorie della mobilità delle pareti cardiache e della contrattilità del ventricolo sinistro.

Quadro clinico
Nella grande maggioranza dei casi la prima manifestazione della SSc è costituita dal fenomeno di Raynaud. Negli altri pazienti la malattia esordisce per lo più con manifestazioni articolari, edema alle estremità, sclerosi cutanea. In alcuni casi occorrono contemporaneamente due manifestazioni d’esordio (Raynaud più edema o Raynaud più artrite o Raynaud più sclerosi cutanea). L’esordio con il solo fenomeno di Raynaud costituisce la regola nella lcSSc (forma localizzata), mentre nelle forme diffuse non è raro che altre manifestazioni rappresentano il primo segno della connettivite. L’intervallo di tempo intercorrente fra la comparsa del fenomeno di Raynaud e quella della sclerosi cutanea è estremamente variabile. Esso è breve, intorno ad un anno o meno, nella dcSSc (diffusa), mentre è piuttosto lungo, anche decadi, nella lcSSc.

Per fenomeno di Raynaud si intende un evento vasospastico parossistico, scatenato dal freddo o da stati emozionali e caratterizzato, nella sua espressione classica trifasica, da pallore (fase ischemica), cui segue cianosi (fase asfittica) e rossore (fase iperemica reattiva). Coesistono sul piano subiettivo torpore e parestesie. Le mani rappresentano la sede più frequentemente colpita ma possono essere interessati i piedi, i padiglioni auricolari, il naso, la lingua. Un fenomeno di Raynaud è presente nella quasi totalità dei pazienti di SSc, ma può occorrere in molte altre condizioni o decorrere in maniera isolata (Raynaud primario o malattia di Raynaud). Il Raynaud sclerodermico è più frequentemente bi- o trifasico e condiziona spesso l’insorgenza di alterazioni trofiche ai polpastrelli sotto forma di necrosi, escare, ulcere e cicatrici residue. Alcuni Autori hanno riferito che nei casi di SSc senza Raynaud sono pìù frequenti la nefropatia e la miocardiopatia. Questi casi, pertanto, hanno una prognosi peggiore.

L’aumento di consistenza della cute (sclerodermia) costituisce l’aspetto clinicamente più evidente della malattia. In una piccola percentuale di pazienti esso non è presente, realizzandosi un quadro di “SSc sine sclerodermia”. Sono classicamente descritte tre fasi evolutive delle alterazioni cutanee sclerodermiche: edematosa, indurativa o sclerotica, atrofica. Il primo stadio non si manifesta in tutti i pazienti. Quando presente, l’edema interessa le dita, le mani e/o i piedi, e può estendersi a parti prossimali degli arti e del volto. La cute è aumentata di spessore e di consistenza, tesa e lucida. I solchi sono spianati. Alla digitopressione non si forma, se non raramente, una fovea (infossamento della cute). Nella fase sclerotica il reperto è tipico. La cute è aumentata di consistenza, tesa, aderente ai piani sottostanti, a tratti lucida. I peli sono diradati o assenti. La sclerosi è variamente estesa nei pazienti dei diversi sottogruppi di SSc raggiungendo la massima estensione nello spazio di 2-3 anni dalla sua comparsa. L’aumento di consistenza della cute raggiunge gradi diversi nei vari pazienti ed in ciascun paziente nelle varie parti del corpo. Sono stati elaborati alcuni sistemi per valutare in modo quantitativo l’entità della sclerosi cutanea. Il più utilizzato è quello proposto dal gruppo di Rodnan. Questi autori valutano l’aumento di consistenza della cute su una scala di 4 livelli (0 = assente; 1 = lieve; 2 = moderato; 3 = severo;) in 17 distretti, ottenendo così uno score totale con un valore massimo di 51. La misurazione di tale score può essere utile per monitorare l’attività della malattia e la risposta ad eventuali terapie. L’aspetto del paziente sclerodermico nella fase sclerotica è classico. Il volto è amimico, le labbra sono assottigliate (microcheilia), l’apertura della rima orale è ridotta (microstomia). In alcuni casi, dopo anni di decorso, si possono realizzare aspetti di mento corrugato e di labbra a borsa di tabacco. L’aderenza della cute ai tessuti sottostanti nelle regioni articolari e periarticolari è causa di contratture in flessione alle mani (aspetto ad “artiglio”), ai gomiti, ecc. In questi distretti la pressione esercitata dall’osso sottostante sulla cute tesa, con l’eventuale intervento di traumi, può determinare la comparsa di lesioni, che vanno incontro a sovrainfezioni di difficile trattamento. La fase atrofica tardiva si accompagna a lassità, fragilità e diminuzione di consistenza della cute ed a ricomparsa dei peli. In alcuni casi una melanodermia (colorazione brunastra) diffusa (che non interessa le mucose a differenza del morbo di Addison) accompagna o precede il realizzarsi della sclerosi cutanea. In altri si realizzano chiazze di pseudovitiligo che si alternano a zone iperpigmentate. Un reperto molto frequente è costituito dalle teleangectasie. Esse rappresentano uno dei 5 elementi della pentade CREST e sono state ritenute caratteristiche delle forme a sclerosi cutanea limitata, ma, in realtà, possono presentarsi in pazienti di tutti i sottogruppi di SSc, essendo solo più fonde e più numerose nella lcSSc. Le regioni più caratteristicamente colpite sono il volto e la parte superiore del torace ma sono interessati anche altri distretti cutanei e le mucose. A livello del vallo dell’unghia è frequente il reperto di teleangectasie cosiddette cuticolari. Le calcificazioni, intra- e sottocutanee, occorrono classicamente nella lcSSc, ma possono presentarsi anche negli altri sottogruppi di SSc, anche se sono di dimensioni tendenzialmente maggiori nella cosiddetta sindrome CREST. Solo raramente esse costituiscono un reperto clinicamente apprezzabile, essendo, per lo più la loro presenza scoperta all’esame radiologico. Presentano dimensioni estremamente variabili: caratteristici sono i piccoli depositi evidenziabili a livello dei polpastrelli ma si possono realizzare conglomerati più grossi. Possono causare ulcerazioni della cute sovrastante con fuoriuscita di materiale simile a pasta dentifricia.

La frequenza di manifestazioni articolari è alta (circa il 90%) nella SSc, almeno nelle fasi avanzate. Il quadro è quello di una poliartrite in una minoranza di casi (10%); più frequentemente si tratta di poliartralgie con o senza rigidità o di sola rigidità articolare. Il decorso è quasi sempre cronico o intermittente, ma in alcuni casi l’artropatia sclerodermica ha carattere episodico. Sul piano anatomo-radiologico sono presenti reperti di riduzione della rima articolare, osteoporosi iuxtaarticolare, anchilosi e di erosioni (fino al 40% dei casi) simili a quelle dell’artrite reumatoide. Sul piano anatomo-isto-patologico è presente una sinovite. Essa, però, a differenza di quella della artrite reumatoide non esita nella formazione di un panno evidente. La membrana sinoviale è sede di infiltrati infiammatori diffusi o sotto forma di aggregati, e presenta sulla sua superficie depositi di fibrina, responsabili degli sfregamenti udibili al movimento delle articolazioni all’esame obiettivo. Il liquido sinoviale, esaminato in pochi casi, ha mostrato, in pazienti con chiare manifestazioni di artrite, caratteristiche di liquido infiammatorio, ma con poche cellule (<2000/mm3) prevalentemente mononucleari. Indipendentemente dalle manifestazioni articolari in senso stretto, la limitazione funzionale delle articolazioni sclerodermiche è dovuta alla sclerosi della cute e dei tessuti circostanti, che costringe le articolazioni configurando una periartropatia caratteristica. I tendini presentano comunemente un aumento di consistenza, che èfacilmente apprezzabile a livello della regione volare del polso, dove, così come in altre sedi sono a volte apprezzabili dei tipici sfregamenti alla palpazione durante i movimenti. Il reperto di sfregamenti tendinei è significativamente più frequente nella dcSSc che nella lcSSc, tanto da essere ritenuto un reperto caratteristico delle forme diffuse. Alle ossa l’alterazione più caratteristica è costituita dall’acroosteolisi (perdita di osso), che, quando associata a calcinosi è ritenuta diagnostica della SSc. Altri reperti sono un’osteoporosi diffusa e, nel 10% circa dei casi, una periostite, soprattutto delle ossa lunghe delle mani e dei piedi. La quasi totalità dei pazienti di SSc presenta una lieve astenia muscolare diffusa, dovuta essenzialmente al disuso correlato alle manifestazioni generali o a quelle articolari della malattia. Esiste, poi, una miopatia primitiva, caratterizzata da astenia muscolare prossimale e da elevazione lieve degli enzimi (CPK, LDH). In alcuni casi una polimiosite definita decorre nei pazienti con SSc. Questi pazienti sono oggi classificati come casi di overlap fra due connettiviti, piuttosto che come SSc con miosite. La distinzione fra il secondo ed il terzo tipo di miosite sopraelencati è fondamentale, non essendo la miosite sclerodermica primitiva sensibile agli steroidi a differenza dell’altra.

Nell’ambito degli organi interni l’apparato gastroenterico è il più frequentemente colpito dalla SSc. Il cavo orale offre a considerare in aggiunta alla microcheilia ed alla microstomia, la diminuzione del volume della lingua (microglossia), la presenza di teleangectasie mucose ed una diffusa atrofia della mucosa, alla cui genesi può compartecipare la riduzione del flusso salivare dovuta ad una sindrome di Sjogren secondaria in senso stretto o a fibrosi delle ghiandole salivari. É anche comune l’occorrenza di gengivite e di riassorbimento degli alveoli con conseguente mobilità degli elementi dentari. La prima alterazione esofagea documentabile consiste in una riduzione del tono dello sfintere esofageo inferiore (LES), che può decorrere asintomatica o causare pirosi retrosternale e rigurgiti acidi. Si realizza poi una ipomotilità dei 2/3 inferiori dell’esofago, di per sè causa di disfagia (difficoltà a deglutire) “bassa” ai cibi solidi. Con il progredire della malattia la parte inferiore dell’esofago diviene dilatata ed atonica. In alcuni pazienti, inoltre, a causa del reflusso gastroesofageo acido, si realizza un’esofagite peptica, che evolve in stenosi esofagea, rendendo molto difficile l’alimentazione. Lo studio dell’esofagopatia sclerodermica si avvale della radiografia standard con pasto baritato, della manometria esofagea, della pHmetria delle 24 ore, della scintigrafia e della esofagoscopia. La manometria esofagea è molto più sensibile della semplice radiografia nell’evidenziare l’ipomotilità e l’ipotono dello sfintere esofageo inferiore, ma non è ben accettata da tutti i pazienti. La pH-metria delle 24 ore permette di documentare l’entità e la frequenza degli episodi di reflusso gastroesofageo acido. L’esofagoscopia, infine, documenta la presenza di esofagite peptica e, con l’ausilio di esami colturali, permette di mettere in evidenza una possibile candidiasi esofagea sovrapposta, che può essere opportunamente trattata. Lo stomaco è poco frequentemente colpito dalla SSc. L’intestino tenue può essere ipotonico e causare distensione, crampi addominali, diarrea cronica o intermittente e una sindrome da malassorbimento, la cui presenza può essere indagata mediante il test allo xilosio e la valutazione dei grassi fecali. All’instaurarsi di questo ultimo quadro compartecipa la proliferazione della flora batterica intestinale facilitata dall’ipomotilità che determina alterato assorbimento dei grassi e consumo di vitamina Bl2 con conseguenti quadri di anemia macrocitica. Può occorrere un ileo pseudo-ostruttivo. Sul piano diagnostico la radiografia con pasto baritato, o meglio il clisma del tenue, mettono in evidenza l’ipomotilità del viscere, la dilatazione delle anse. L’ipomotilità del colon può non causare alcuna manifestazione clinica o condizionare la presenza di stipsi o di fenomeni pseudo-ostruttivi. Sul piano radiologico è pressocchè patognomonico il reperto di diverticoli ad ampia base che solo raramente possono essere sede di perforazione o di stasi fecale. La motilità anorettale è anch’essa ridotta con la possibile comparsa di manifestazioni di prolasso rettale e di incontinenza fecale. Il fegato non è interessato dalla SSc. È frequente, invece, l’overlap fra la cirrosi biliare primitiva e la SSc, soprattutto la lcSSc.

In un’alta percentuale di casi di pazienti di SSc (70% circa) si realizza una pneumopatia interstiziale più marcata a livello dei campi polmonari inferiori. Sul piano istopatologico, nelle fasi iniziali, è presente una componente infiammatoria costituita sia da cellule mononucleate (linfociti e macrofagi) sia da cellule polimorfonucleate (neutrofili ed eosinofili). Il quadro è poi dominato dalla fibrosi. A causa della limitata attività fisica degli sclerodermici, la pneumopatia non dà sempre segni di sè. Nel 60% dei casi si registra una dispnea da sforzo. Nettamente inferiore, invece, è la prevalenza della dispnea a riposo. In circa il 10% dei pazienti è presente tosse non produttiva, che si associa ad espettorazione quando si realizza una sovrapposizione infettiva. L’esame obiettivo mette in evidenza la presenza di crepitii basali bilaterali da fibrosi interstiziale in circa il 40% dei casi. La radiografia del torace è relativamente poco sensibile nello svelare l’esistenza della pneumopatia sclerodermica. Essa mette in evidenza, in circa il 40% dei pazienti, una fibrosi interstiziale prevalente ai lobi inferiori con aspetti per lo più reticolari o reticolonodulari In alcuni casi si osservano aspetti a nido d’ape (honeycomb) che riflettono la presenza di lesioni cistiche polmonari. Più sensibile è la TAC ad alta risoluzione (HRTC). Lo studio della funzionalità respiratoria permette di documentare la presenza di alterazioni in circa il 70% dei pazienti di SSc. I reperti più frequenti sono quelli indicativi di una pneumopatia restrittiva: riduzione proporzionale della capacità vitale forzata e del flusso espiratorio massimo in un secondo, ridotta compliance polmonare cui si associa frequentemente una riduzione della diffusione alveolo-capillare. Quest’ultimo reperto può costituire, comunque un’anomalia isolata, deponendo per l’esistenza di un interessamento vascolare isolato in assenza di fibrosi interstiziale. La scintigrafia polmonare col gallio 67 mette in evidenza un’aumentata captazione soprattutto nei casi ad esordio recente nei quali è attiva una componente infiammatoria. Allo scopo di evidenziare un’alveolite è indubbiamente più utile il lavaggio broneoalveolare, che mostra un aumento dei neutrofili e degli eosinofili (è questo il reperto tipico della fibrosi polmonare primitiva), o un aumento dei linfociti e/o dei macrofagi. Nel 10% dei pazienti di lcSSc a 15-30 anni dall’esordio della malattia si realizza un’ipertensione polmonare severa da vasculopatia delle arterie polmonari di piccolo e medio calibro, a livello delle quali è presente un restringimento marcato del lume, dovuto ad aumento di spessore della parete da accumulo di connettivo nell’intima e da ipertrofia nella media. Sul piano clinico l’ipertensione polmonare causa una dispnea severa progressiva, cui segue un quadro di scompenso cardiaco destro. La diagnosi è confermata dai risultati dell’ecocardiogramma e del cateterismo cardiaco. L’evolutività dell’ipertensione polmonare maligna è spiccata: la sopravvivenza a partire dall’esordio delle manifestazioni da ipertensione polmonare si aggira intorno ai due anni. È opportuno precisare che la fibrosi interstiziale può condizionare di per sè una riduzione del letto vascolare polmonare da obliterazione dei capillari e delle arteriole delle zone fibrotiche. Ciò si traduce in un aumento della pressione arteriosa polmonare che, comunque, si differenzia sul piano fisiopatologico dall’ipertensione maligna. Accanto alle due condizioni sovradescritte va considerato il possibile interessamento pleurico, che assume le caratteristiche di una pleurite secca o essudativa e colpisce, secondo studi autoptici, un’alta percentuale di pazienti, ma si rende evidente clinicamente in circa il 15% dei casi.

Manifestazioni cliniche di pericardite sono evidenti nel 7% dei casi sotto forma di pericardite acuta o cronica essudativa. Nella maggior parte dei casi di pericardite essudativa si tratta di piccoli versamenti, documentabili con l’ecografia e privi di espressione clinica. Raramente l’entità del versamento è cospicua In questi casi la pericardite essudativa ha un valore prognostico sfavorevole. In particolare è stata notata una stretta correlazione temporale (<6 mesi) fra l’esordio di una pericardite essudativa e Io sviluppo di una crisi renale sclerodermica. L’interessamento del miocardio da parte della SSc consiste in una fibrosi miocardica frequentemente parcellare, raramente diffusa. Le arterie coronarie extramurali sono comunemente indenni; i rami intramiocardici presentano reperti di riduzione del lume da accumulo di connettivo nell’intima associato ad infiltrati infiammatori. Sul piano strettamente clinico la fibrosi miocardica può condizionare lo sviluppo di aritmie, disturbi della conduzione e scompenso cardiaco congestizio. L’utilizzazione di indagini strumentali permette di mettere in evidenza alterazioni miocardiche in un’alta percentualcdi casi clinicamente silenti. L’elettrocardiogramma standard è alterato in circa il 50% dei casi. L’alterazione più frequente è costituita da un allungamento del PR. Altri reperti sono: BAV di Il e III grado; BBD; BBS; EAS; blocchi bifascicolari; segni di ipertrofia ventricolare destra o sinistra; - extrasistoli atriali e ventricolari. Sono descritti quadri di necrosi miocardica in assenza di manifestazioni cliniche correlate. L’ECG-Holter documenta frequentemente la presenza di aritmie atriali e/o ventricolari, che invece emergono solo nel 10% dei casi all’ECG standard. L’ecocardiogramma permette di documentare alterazioni della contrattilità miocardica. La scintigrafia al tallio mette in evidenza un’alta frequenza di difetti di perfusione sia fissi (indicativi di fibrosi miocardica) sia reversibili, che sono, cioè, indotti dall’esposizione al freddo o dall’esercizio fisico e regrediscono con il ritorno alle condizioni basali.




La manifestazione caratteristica dell’interessamento del rene in corso di SSc è costituita dalla crisi renale sclerodermica o ipertensione maligna sclerodermica. Si tratta di un quadro ad esordio brusco comprendente ipertensione sisto-diastolica di tipo maligno, insufficienza renale ingravescente, disturbi visivi da retinopatia ipertensiva, cefalea, ictus cerebrale, edema polmonare acuto. In alcuni casi sono presenti anemia emolitica microangiopatica e piastrinopenia da coagulazione intravascolare. L’esame delle urine mette in evidenza inizialmente la presenza di proteinuria discreta, microematuria e a volte cilindruria. Con il progredire dell’insufficienza renale il paziente non curato va incontro ad oliguria ed anuria. Un reperto frequente è costituito dall’aumento notevole dell’attività reninica plasmatica, cui viene assegnato un ruolo nel determinismo patogenetico della condizione. La crisi renale sclerodermica colpisce essenzialmente pazienti di dcSSc, entro 3-4 anni dall’esordio della malattia, nei quali si è realizzata una rapida progressione dell’estensione della sclerosi cutanea e/o che non presentino fenomeno di Raynaud. Ricerche recenti suggeriscono che i corticosteroidi a dosi medio alte possono favorire l’insorgenza di crisi renale

Sindrome sicca: una xerostomia ed una xeroftalmia sono reperti frequenti in corso di SSc. Questo complesso sintomatologico è spesso sostenuto da fibrosi ghiandolare, ma nel 15% dei casi è presente un’infiltrazione linfocitaria delle ghiandole salivari minori, quale è tipica della sindrome di Sjogren in senso stretto. In alcuni di questi pazienti sono stati messi in evidenza anticorpi anti-SSA ed anti-SSB.

Un ipotiroidismo, per lo più subclinico, è stato messo in evidenza in circa il 25% dei pazienti di SSc. Sul piano istologico il quadro è dominato da una fibrosi.
Una sindrome del tunnel carpale è frequente in corso di SSc e può rappresentare la prima manifestazione della malattia.

Laboratorio.
Gli indici di infiammazione sono frequentemente alterati in corso di SSc. L’emocromo puòmettere in evidenza la presenza di anemia in alcuni casi da malattia infiammatoria cronica o sideropenica da esofagite peptica o da malassorbimento; in corso di crisi renale può esserci una anemia emolitica microangiopatica con piastrinopenia. La valutazione degli enzimi di colestasi è di ausilio nel sospettare i casi con cirrosi biliare associata. Può essere presente una ipergammaglobulinemia moderata ed il fattore reumatoide sierico. La positività ANA è presente in quasi tutti i pazienti. Hanno valore diagnostico il reperto di anticorpi anticentromero (ACA) che sono caratteristici della forma limitata e gli anticorpianti Scl-70 (ora definiti anti topoisomerasi I) che sono spesso presenti nella forma diffusa. Altro reperto specifico è il riscontro di anticorpi antiRNA-polimerasi III (ARA) Alla immunofluorescenza tipicamente mostrano un pattern antinucleolare, granulare diffuso o punteggiato.


Diagnosi
La diagnosi di SSc è agevole nei pazienti in cui è presente sclerosi cutanea. Vanno tenute in considerazione molte condizioni che possono comportare un aumento di consistenza della cute (vedi tabella) ma è raro che si pongano seri problemi diagnostici e che si debba ricorrere all’esame bioptico.

Tabella 2: condizioni caratterizzate da “sclerodermia”


  • Sclerosi sistemica

  • Sclerodermia circoscritta

  • Fascite eosinofila

  • Malattia da cloruro di vinile

  • Graft versus Host disease cronica

  • Sindrome da olio tossico

  • Scleredema di Buschke

  • Scleromixedema

  • Fibrosi a bleomicina

  • Fibrosi da pentazocina

  • Sclerodattilia dei diabetici

  • Algodistrofie riflesse

  • Malattia di Dupuytren

  • Acrodermatite cronica atrophicans

  • Malattia celiaca dell’adulto


Nei confronti di queste condizioni, infatti, la SSc si differenzia per la simmetricità dell’interessamento della cute, per le manifestazioni a carico degli organi interni e per i reperti autoanticorpali. Qualche problema è posto dai casi di SSc sine sclerodermia. Questi pazienti vengono alla nostra osservazione per il fenomeno di Raynaud. In essi la diagnosi corretta può essere emessa quando viene dimostrata la coesistenza di altri reperti tipici della SSc: esofagopatia, acroosteolisi, calcinosi, fibrosi polmonare, anticorpi antinucleari patognomonici: anticorpi anticentromero, anti-Scl-70. Problemi diagnostici di una qualche difficoltà pone comunque la SSc al suo esordio. Il fenomeno di Raynaud, che rappresenta nella maggior parte dei casi la prima manifestazione della malattia, è comune a molte condizioni Pertanto un corretto approccio al paziente con fenomeno di Raynaud isolato deve essere teso all’analisi di altre patologie. L’utilità della capillaroscopia è oggi ben codificata. Sono tipici di una SSc reperto di megacapillari associato o meno a quello di aree avascolari. La presenza di queste ultime è ritenuta caratteristica della dcSSc. Questi reperti capillaroscopici possono essere, però, osservati in pazienti con dermatopolimiosite o con sindromi di overlap. Essi, pertanto, non hanno un significato patognomonico.

I criteri classificativi (tabella 3) sono tesi ad uniformare casistiche di centri diversi. Questi criteri presentano alcuni limiti se sono utilizzati erroneamente per la diagnosi. Infatti molte condizioni diverse dalla SSc possono presentarsi con sclerosi cutanea prossimale alle metacarpofalangee (criterio maggiore). In questi casi l’utilizzazione acritica dei criteri potrebbe fare etichettare come affetti da SSc pazienti che non lo sono. D’altro canto è da considerare il possibile riscontro in clinica di pazienti con fenomeno di Raynaud, senza ulcere o necrosi o cicatrici residue e con sclerodattilia, esofagopata ed anticorpi anticentromero (ACA). Questi pazienti sono oggettivamente affetti da SSc, ma non soddisfano criteri ARA.

Tabella 3   Criteri ARC classificativi SSc (1980)

CRITERIO MAGGIORE

Sclerodermia prossimale alle metacarpofalangee

CRITERI MINORI

Sclerodattilia

Necrosi o cicatrici dei polpastrelli

Fibrosi polmonare bibasale

* Considerate le dovute diagnosi di esclusione, la presenza del solo criterio maggiore oppure di almeno 2 criteri minori permette di classificare la condizione come sclerosi sistemica con una sensibilità del 97% ed una specificità del 98%

Decorso.
Il decorso della SSc è variabile da caso a caso, soprattutto fra pazienti appartenenti a sottogruppi diversi di malattia. La sopravvivenza media si aggira intorno al 90% a 5 anni dalla comparsa della malattia ed intorno a 65% a 10 anni. La sopravvivenza è inferiore nei sottogruppi a maggiore estensione della sclerosi cutanea. Nella lcSSc la complicanza più temibile è l’ipertensione polmonare, che si sviluppa solo in una minoranza di casi e dopo molti anni dall’esordio della connettivite. Nella dcSSc la morte è dovuta nella quasi totalità dei casi alla miocardiopatia o alla pneumopatia o, meno frequentemente alla nefropatia, dalle complicante gastroenterologiche (atonia intestinale). Per il clinico è importante poter prevedere, anche se solo sul piano tendenziale, la probabile evoluzione della malattia. In linea generale si ritiene che il sesso maschile, la razza negra, la rapida diffusione e la maggiore estensione della sclerosi cutanea ed il fatto che questa preceda per tempo di comparsa il fenomeno di Raynaud sono fattori prognostici sfavorevoli. Sia pure indirettamente il reperto di anti-Scl-70, essendo associato alla dcSSc può avere un tale significato, così come è quello di ANA con pattern nucleolare o granulare diffuso. Al contrario la limitata estensione della sclerosi cutanea ed il reperto di ACA ad essa associato hanno un significato prognostico relativamente favorevole. In una minoranza di casi tutti affetti da dcSSc, l’evolutività della malattia è molto marcata e la morte interviene nello spazio di 1-2 anni dall’esordio. Questi casi erano stati da alcuni definiti “sclerodermia acuta diffusa”. L’elevata mortalità è anche legata alla prevalenza di neoplasie rilevate in questi pazienti in modo nettamente più frequente rispetto la popolazione generale

Terapia
Il trattamento farmacologico della SSc va distinto in due aspetti: terapia della malattia nella sua globalità, tesa ad interferire sulle tappe del processo patogenetico che ne è alla base; terapia delle singole manifestazioni. L’estrema variabilità nell’espressione clinica e nell’evolutività non consentono di dettare uno schema terapeutico che possa essere valido per tutti i pazienti di SSc. L’elaborazione del programma terapeutico emergerà, quindi, dalla analisi dello stadio evolutivo e dallo studio approfondito degli organi colpiti. Per quanto concerne la terapia di fondo non esiste a tutt’oggi un farmaco in grado di “curare” la SSc. Sono stati usati: griseofulvina, colchicina, D-penicillamina come farmaci interferenti con il metabolismo del collagene La penicillamina possiede inoltre attività immunomodulante. I farmaci vasodilatatori contrastano le alterazioni vascolari caratteristiche in particolare i fenomeni di vasospasmo. I più usati sono i calcio antagonisti (nifedipina in particolare), ACE inibitori e le prostacicline (iloprost). L’iloprost pare avere anche un azione antifibrotica e di miglioramento della vasculopatyia sclerodermica. Il suo uso, ad infusioni cicliche periodiche, è ampiamente utilizzato non solo per il trattamento delle complicanze ischemiche ma anche come terapia “di fondo” nella forma specie sistemica..L’introduzione in terapia degli ACE inibitori ha migliorato la prognosi della crisi renale sclerodermica. E’ migliorato il controllo dell’ipertensione arteriosa anche se rimane difficile impedire la progressione verso l’insufficienza renale. In molti pazienti è quindi necessario il ricorso alla dialisi. Numerosi farmaci immunosoppressori sono stati utilizzati. Effetti positivi sono stati descritti con la ciclofosfamide in particolare in caso di interessamento polmonare in fase precoce (alveolite). Più limitate le esperienze con azatioprina, methotrexate, ciclosporina.. Partendo dall’ipotesi che pone il danno endoteliale e la conseguente aggregazione piastrinica alla base del determinismo patogenetico della SSc, alcuni autori hanno utilizzato farmaci antiaggreganti piastrinici (dipiridamolo ed aspirina) Nei pazienti con artrite è indicato un trattamento con antiflogistici non steroidei e/o steroidi a basse dosi Molto difficile è, invece, il trattamento delle deformità da contratture in flessione. La fisiochinesiterapia può essere di qualche ausilio L’esofagopatia sclerodermica si avvale di alcune norme igieniche (mantenimento della stazione eretta per alcune ore dopo i pasti, utilizzazione di due o più cuscini durante il sonno, pasti moderati soprattutto di sera) tese a minimizzare il reflusso gastroesofageo. Sono usati, inoltre, la metoclopramide ed il domperidone. La riduzione del tono dello sfintere esofageo inferiore condiziona lo sviluppo di una esofagite peptica la cui insorgenza può essere combattuta con l’uso di inibitori della secrezione acida. L’interessamento dell’intestino tenue è teoricamente influenzato dalla metoclopramide, che in pratica, però, non cambia significativamente la motilità del viscere. Per le sindromi da malassorbimento sono utilizzati cicli di antibiotici tesi a ridurre la crescita di batteri, che interferiscono con l’assorbimento dei grassi e delle vitamine liposolubili. Il deficit alimentare va combattuto con la somministrazione di queste sostanze così come di proteine ed eventualmente di ferro e vitamina B12 nei casi in cui questi fattori risultino carenti (anemia sideropenica, macrocitica). Pleurite, pericardite, miosite rispondono generalmente agli steroidi a dosi medie. Nell’ambito delle terapie di fondo della SSc vanno anche considerate le tecniche di aferesi. Alcuni Autori hanno registrato dopo cicli di plasmaferesi miglioramenti delle manifestazioni cutanee, vascolari periferiche ed articolari. Nei casi più gravi si è provveduto al trapianto autologo di midollo nel tentativo di eliminare i cloni cellulari inducenti l’autoimmunità. In aggiunta alla terapia farmacologica il trattamento della SSc si avvale di misure generali: si consiglia di mantenere la temperatura ambientale intorno ai 25 gradi allo scopo di evitare il vasospasmo caratteristico del fenomeno di Raynaud. A temperature ambientali più basse il paziente deve coprire bene sia le estremità sia il capo e la parte centrale del corpo, inducendo il calore centrale una vasodilatazione periferica. Sono da prediligere attività lavorative che non condizionano traumi, soprattutto alle dita. Sono, infine, di qualche utilità la chinesiterapia tesa ad evitare l’instaurarsi di contratture in flessione delle articolazioni. Alcuni Autori consigliano l’utilizzazione di creme idratanti, ad esempio alla lanolina, allo scopo di combattere la secchezza delle cute.

Riassunto
La sclerosi sistemica progressiva (sclerodermia) è una malattia cronica infiammatoria autoimmune classificata tra le connettiviti. E’ caratterizzata da una vasculopatia obliterante dei piccoli vasi, da proliferazione delle piccole arterie e da progressivo accumulo di fibre collagene nei tessuti. Viene divisa in una forma diffusa ed in una forma limitata. Alcuni classificano anche una forme intermedia con caratteristiche a metà strada tra la diffusa e la limitata. La forma diffusa ha rapida insorgenza di Raynaud ed impegno cutaneo entro l’anno dall’esordio del Raynaud. L’impegno cutaneo è diffuso, sia periferico che al tronco, vi può essere precoce interessamento tendineo e d’organo (polmone, intestino, cuore, rene). L’anticorpo piu’ comune presente è l’anti Scl 70. La capillaroscopia mostra aree avascolari. Nella forma limitata il fenomeno di Raynaud puo’ precedere di anni l’esordio di malattia. L’interessamento cutaneo è limitato alle mani, piedi, viso. Sono presenti calcificazioni e teleangectasie. Il problema maggiore è il tardivo sviluppo di ipertensione polmonare fattore prognosticamente negativo. Gli anticorpi piu’ comuni sono gli anti centromero (ACA). La capillaroscopia mostra megacapillari senza aree di avascolarità. Non esiste un farmaco specifico per la cura. Una terapia di fondo è considerata la terapia con dilatatori, antiaggreganti e protettori dell’endotelio. Esistono farmaci specifici per alcune complicanze.


Torna ai contenuti | Torna al menu