ATMAR

Vai ai contenuti

Menu principale:

CHI SIAMO

ATMAR: UNA CASA COMUNE PER I MALATI REUMATICI

ATMAR è un’associazione di volontariato fondata nell'ottobre 1995 dal dott. Patrizio Caciagli e dal dott. Luciano Girardi, che, in qualità di Presidente, l'ha guidata per undici anni. Grazie all'infaticabile impegno profuso dal dott. Girardi negli undici anni della sua Presidenza ATMAR ha potuto crescere, ampliare le sue attività a sostegno dei malati, consolidare le relazioni con le altre associazioni regionali e conseguire risultati di rilievo per i malati trentini.

ATMAR è nata con l’intento di rappresentare una “casa comune” in cui tutti i malati reumatici del Trentino e i loro famigliari possano riconoscersi e trovare un punto di riferimento e di sostegno per i problemi di ordine assistenziale, sociale, psicologico che incontrano nel corso della malattia.

L’Associazione svolge un’ampia serie di attività di tutela in favore di tutte le persone che soffrono di patologie reumatiche, quali: artrite reumatoide, artrite psoriasica, spondilite anchilosante, lupus eritematoso sistemico, sclerodermia, connettiviti, fibromialgia, artrosi, osteoporosi ed altre.

Le finalità dell’Associazione sono:

  • la promozione e il sostegno di iniziative dirette a migliorare e a diffondere la conoscenza delle malattie reumatiche, dei mezzi di cura e di riabilitazione, per accrescere la consapevolezza della persona malata nei confronti della propria malattia, per sfatare i molti luoghi comuni che ancora gravano sulle patologie reumatiche e per contrastarne la scarsa considerazione sociale;

  • l’attivazione di iniziative dirette alla tutela dei diritti dei malati e al miglioramento complessivo della loro qualità di vita sul piano sanitario, assistenziale e sociale;

  • la sensibilizzazione delle autorità politiche e sanitarie attraverso azioni dirette a conseguire condizioni ottimali per la diagnosi precoce, la cura e la riabilitazione.


I valori che costituiscono le fondamenta ideali del ruolo sociale svolto dall’ATMAR nel tessuto della comunità sono:

  • il rispetto per la dignità della persona

  • la solidarietà

  • l’amicizia

  • la fiducia

  • la condivisione



L’etica che guida i volontari di ATMAR:

  • etica della responsabilità

  • etica del dono

  • etica del servizio

  • etica della speranza


Attraverso il reciproco sostegno le persone che decidono di far  parte dell’Associazione stabiliscono un legame di solidarietà, di comprensione, di empatia, di condivisione di problemi, idee
e obiettivi comuni.

Di fronte al disagio che a vari livelli una malattia cronica determina, partecipare in modo attivo alla vita dell’Associazione può permettere un’esperienza positiva di scambio e di confronto tra
persone accomunate dallo stesso disagio, e, pur non sostituendo un percorso terapeutico, può rappresentare un’opportunità di esplorare nuove risorse interiori.

Il malato reumatico è una persona che subisce un profondo cambiamento nella propria vita per problematiche di vario ordine, che la portano a chiudersi in se stessa.

L’Associazione offre al malato l’opportunità di uscire dall’isolamento della malattia, di condividere attività, momenti di riflessione, di aiuto e di sostegno reciproco e di trovare:

  • accoglienza

  • sostegno

  • incoraggiamento

  • confronto

  • informazione

  • tutela dei diritti


Il contributo dell’ Associazione ATMAR, radicata sul territorio della provincia di Trento, è stato importante nell’avviare progetti di sensibilizzazione, di informazione, sia a livello sociale sia istituzionale nei riguardi delle patologie reumatiche e delle loro complicanze e nell’aver contribuito all’istituzione dell’Unità Operativa di Reumatologia del S. Chiara, centro di riferimento specialistico  del Trentino.

L’impegno di ATMAR si  muove secondo  principi che da una parte mettano al centro del percorso assistenziale il malato, concepito nella sua unità  psico-fisica ed esistenziale, e dall’altra realizzino azioni di coordinamento ed integrazione fra i vari livelli di assistenza.

Non meno importante è l’impegno dell’ATMAR nella promozione di una nuova cultura della relazione medico-paziente, che ha come obiettivo l’umanizzazione della Medicina,  in uno scenario, come quello attuale, in cui  la Medicina appare dominata dalla Tecnica e sembra avere perduto i suoi stessi fondamenti etici.


Giovanni della Robbia (1469-1529)
Opere di Misericordia: Visitare gli infermi, albergare i pellegrini (particolare)
(Fregio a formelle di terracotta invetriata,  Ospedale del Ceppo, Pistoia)









_____________________________________________________________________

L'immagine nel banner del sito ATMAR
La Danza (La danse) di Henri Matisse. Esistono due versioni del dipinto, una conservata al Museum of Modern Art di New York che è del 1909 e l'altra al Museo dell'Ermitage di San Pietroburgo che è del 1910.

Torna ai contenuti | Torna al menu